Condividi
Andare in basso
anja-1985
attivo
attivo
Messaggi : 424
Data d'iscrizione : 13.12.17

Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Mer Mar 28, 2018 11:23 pm
Pretendere questo

https://www.google.it/amp/s/relazionipericoloseblog.com/2017/05/10/quando-la-psicoterapia-non-guarisce/amp/
Alba Nera
Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 15.01.18

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Gio Apr 19, 2018 10:31 am
Solo io sono rimasta sconvolta dalla lettura di questo articolo? com'è possibile che (la maggior parte de)gli psicoterapeuti non vengano formati su queste tematiche? Già reputo piuttosto inaccettabile che ci sia in giro cosi tanta ignoranza su questo tema tra le persone comuni, figuriamoci tra quelle competenti :-( Senza questo forum e alcuni video su youtube io starei ancora nuotando nell'inconsapevolezza...
anja-1985
attivo
attivo
Messaggi : 424
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Gio Apr 19, 2018 10:40 am
Nnooooon ne parliamo guarda!
Sono d accordo con te.
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1377
Data d'iscrizione : 26.11.17

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Gio Apr 19, 2018 3:25 pm
si, questa e' la nuova medicina che pare studiare come aiutare più velocemente i pazienti vittime dei narcisisti. Si lavora sul qui e ora, sullo spiegare come funzionano e come tenerli lontani e poi si lavora sul passato. Grazie . Se permetti lo posto ance in articoli.Grazie
anja-1985
attivo
attivo
Messaggi : 424
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Gio Mag 10, 2018 10:56 am
Ciao Sissi,parli di "nuova medicina",prima quale atteggiamento di cura si adottava?
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1377
Data d'iscrizione : 26.11.17

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Gio Mag 10, 2018 11:08 pm
si lavora e lavorava dando la colpa anche alle vittime, iniziando a lavorare sul passato , famiglia e agganci vari. Ma intanto il narci continuava a lavorare. Ora le cose sembrano n po' cambiate, ma se in meglio o peggio, non saprei
anja-1985
attivo
attivo
Messaggi : 424
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Ven Mag 11, 2018 9:26 am
Ho capito,grazie Sissi Smile
Apocalisse
attivo
attivo
Messaggi : 126
Data d'iscrizione : 17.12.17

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Sab Giu 02, 2018 9:21 pm
Questo articolo é profondamente e tristemente vero. Ho imparato di piú da questo forum e da altri blog che non dalla mia ex psicotarapeuta la quale, tra le altre cose, continuava a dirmi che la depressione me la facevo venire io. Mad Se ci penso adesso, rabbrividisco. Per fortuna, non ho mai sborsato un quattrino, era un psicologa del servizio sanitario publico. Ció detto, mi chiedo ugualmente come ci si cura l'anima dopo anni di abuso familiare. Bastasse la sola distanza!!!
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1377
Data d'iscrizione : 26.11.17

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Lun Giu 04, 2018 10:13 pm
a me tra le altre cose e' stato detto che avevo delle tracce di masochismo e che mi piaceva
Apocalisse
attivo
attivo
Messaggi : 126
Data d'iscrizione : 17.12.17

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Lun Giu 04, 2018 10:31 pm
E dopo la testimonianza di Sissi, possiamo anche chiudere le danze!!! Povere noi!!!
anja-1985
attivo
attivo
Messaggi : 424
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Mar Giu 05, 2018 10:03 am
U....
Pensavo di aver commentato...
Ma è andato a vuoto l invio...
Pazienza
anja-1985
attivo
attivo
Messaggi : 424
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Mar Giu 05, 2018 9:37 pm
sissi ha scritto:a me tra le altre cose e' stato detto che avevo delle tracce di masochismo e che mi piaceva


mpfuha..... ti piaceva.... hahaha
oddio... senza criterio delle volte alcune persone...

Certe volte penso che la psicologia sia una "scienza" su cui non si può contare,semplicemente perchè è in continua evoluzione ed è in balia delle personalità che "ne fanno uso"
Magari c'erano tempi in cui gli esperti del settore erano anch'essi limitati,e terminavano i loro fallimenti con un "sei inguaribile" .
E ci può anche stare forse che di fronte a qualcuno che ti dice "sei un po masochista e ti piace anche" la molla che scatta sia mandarlo a quel paese e trovare la propria strada da se.Quindi anche il caso delle volte,è saggio.
A me fra le tante cose è stato detto "tu hai qualcosa dentro che spinge gli altri a farti del male ."

ora che ci ripenso mi scoppia una risata sinceramente...
Cretina.
Dopo che erano mesi che le dicevo che non amo essere aggressiva,e che di fronte a qualcuno che percepisco come debole,o che si mostra tale,divento compassionevole anche se questa persona mi sta facendo del male.
Ma non poteva lei comprendere che non conoscevo l'aggressività cattiva delle persone,non la riconoscevo,non sapevo che quando qualcuno si sente inferiore attacca,non avevo idea di cosa fossero le proiezioni negative,e di certo non poteva svelarsi di fronte a me come portatrice di quegli atteggiamenti,e quindi secondo lei io avevo qualcosa dentro che spingeva le persone a farmi del male"..
rendiamoci conto
Lo dissi ad altri questo, "che di fronte a persone che percepisco deboli,non sono capace di far loro del male " (se mi si faceva notare che difendersi è sacrosanto sempre, magari era meglio) invece cosa mi risponde?    "ah ma allora tu te li scegli deboli!!??"

Stessa riflessione ad un'altro e cosa mi risponde? " tu anticipi i bisogni degli altri!"
quando in realtà io me ne sto abbastanza per i cassi miei.

Questo è quello che accade quando si beccano psicologi che non conoscono loro stessi,che non hanno idea di quale sia il filtro con il quale guardano la realtà,e che se tu hai un filtro diverso e loro non lo possono comprendere,perchè continuano a guardarti con il loro filtro,sei sbagliato.
Sono meccanismi molto sottili e l'unico modo per non esserne vittima è indossare con fierezza il proprio carattere senza timore.E l'aggressività serve anche a questo.
Se sei stato addestrato che per essere amato devi essere buono,e soprattutto hai un'indole buona, l'aggressività è qualcosa che devi recuperare dal profondo.
Homo homini lupus.
L'empatia è un dono da gestire e per essere fiume che scorre fluido nella vita,il letto deve essere solido,fatto con le rocce,la sabbia battuta,non devono esserci infiltrazioni nel terreno,altrimenti l'acqua penetra e il fiume scompare.
L'empatia è l'acqua fluida,sono le emozioni della vita,dove nasce la vita,ma il letto del fiume,solido ,è la conoscenza di se e la capacità di non farsi "penetrare" in modo distruttivo.
Il "povere noi" ,non deve esistere.Se la vita ti mette di fronte queste situazioni,vuol dire che è ora di crescere,ed se siamo ancora qui,dopo il marci ,vuol dire che abbiamo avuto la grande opportunità di farlo consapevolmente.
Siate fiere .
Apocalisse
attivo
attivo
Messaggi : 126
Data d'iscrizione : 17.12.17

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

il Mar Giu 05, 2018 10:23 pm
Ciao Anja, comprendo benissimo il tuo pensiero e lo condivido. il "povere noi" era ironico nel senso che, come dici tu stessa, molti psicologi non hanno gli strumenti per vedere bene chi hanno davanti ma per fortuna siamo qui e ne stiamo parlando a testimonianza del fatto che siamo riuscite a trovare il bandolo della matassa. Senza dubbio dobbiamo essere orgogliose di noi stesse.
Contenuto sponsorizzato

Re: Chi si rivolge ad uno psicoterapeuta.

Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum