Condividi
Andare in basso
avatar
Lisbeth Salander
Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 06.03.18
Età : 50

Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 11:58 am
Prendo spunto da quello che mi ha appena scritto Bianca8020,
"io farei leggere ai tuoi figli Molestie Morali...", uno dei libri migliori sull'argomento.

Vi racconto la mia situazione:
quando ebbi il coraggio di lasciare Grima V, il mio futuro ex-marito manipolatore,
ci accordammo per un periodo di transizione, durante il quale lui si sarebbe organizzato
per andarsene lasciandomi in casa con i ragazzi. Qualche giorno dopo mi disse che quel
periodo lo avrebbe speso non solo per organizzarsi, ma anche per RICONQUISTARMI.
Nonostante gli abbia chiarito fin dall'inizio che la mia decisione era irremovibile, lui ha effettivamente
messo in campo una serie agghiacciante di tentativi per possedermi, tra cui molestie sessuali nel sonno,
ricatti, minacce, gaslighting, stalking, intimidazioni.
Quel periodo si è protratto per un anno, perché ovviamente non ha rispettato i tempi che avevamo concordato.
Ne sono uscita con un disturbo da stress post traumatico, che ho dovuto curare con psicofarmaci perché
avevo cominciato a soffrire di attacchi di panico e incubi. Ma alla fine se n'è andato.
Tornò dopo 6 settimane, senza avvertire, mentre non ero in casa. Mi avvertì mia figlia.
Quella sera rientrai a casa, presi la borsa della palestra, ci infilai in fretta il computer, un paio di cambi.
Salutai i miei figli e me ne andai via.

Sono passati 18 mesi da allora, i miei figli hanno 20 e 18 anni, sono "grandi".
Grima V riesce a dare di sé un'immagine molto diversa da come è realmente, ed io li ho sempre "protetti" (?)
cercando di non far capire loro cosa succedeva tra mamma e papà.
Ora sono molto combattuta:
- da una parte vorrei che loro avessero più comprensione nei miei confronti, quindi dovrei fornirgli degli elementi per capire,
elementi che loro non chiedono (mio figlio, il 18enne, mi ha detto chiaramente che vuole restare fuori dalle nostre storie).
Li sento lontani, combattuti tra affetto e risentimento. Mi sembrano confusi.
- dall'altra mi domando se non debba semplicemente avere fiducia in loro, attendere che elaborino quello che, nonostante i miei
sforzi, hanno visto, senza cedere alla tentazione di cercare di tirarli dalla mia (cosa che invece Grima V fa con la sua consueta
tecnica del "dire e non dire": "la mamma vi vuole bene... anche se se ne è andata").
Che senso avrebbe raccontare a mia figlia che mi ha costretto a dormire con lui in quell'anno sciagurato, e che tutte le notti dovevo difendermi
dalle sue mani? Che senso ha raccontare di quando mi sibilò la frase:
"troverò il modo di costringerti a stare con me, così capirai che sono cambiato"?

Che fare, attendere con fiducia e coraggio, o agire?

----------
Anni fa mi colpì il modo di fare di un mio amico, padre di una amichetta di mia figlia: tutti martedì e giovedì quando andavo a prenderla
in palestra, lui era lì per lo stesso motivo, chiedeva a sua figlia se voleva venire a far merenda prima di riportarla a casa, ma lei non voleva.
Seppi poi che la madre, fulgido esempio di narcisista al femminile, le raccontava cose orribili del padre.
Tre anni dopo ci trovammo al mare in campeggio, lui era lì con sua figlia, e ci raccontò che la ragazzina qualche mese prima
aveva litigato ferocemente con la madre, difendendolo, e da allora non si faceva più dire da lei come doveva rapportarsi col padre.
Alicle
amante
amante
Messaggi : 594
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 3:19 pm
Cara Lisbeth, io mi sono trovata con mio figlio allora 16enne oggi ne ha 18, combattuta come te sul dire e non dire. Nel momento in cui per sua gentile concessione io sono uscita da quell'inferno che era la mia casa tirata su con grandi sacrifici, con una scarpa ed una ciabatta, lui ha convinto nostro figlio che se avesse deciso di venire stabilmente con me, gli sarebbe toccato pagare a me "bollette e affito" naturalmente mio figlio decise di stare il 50% con me ed il 50% con lui. Io non potevo credere ad una vigliaccata simile non dare il mantenimento al figlio, capisci? In poche parole mio figlio, ora maggiorenne, mi ha chiesto come mai non ha un mantenimento....beh io gli ho dovuto rispondere e ti assicuro che non è stato affatto facile! E gli ho dovuto rispondere anche quando, notando i suoi atteggiamenti di rimprovero, gli chiesi cosa avesse e che ne potevamo parlare. Sentirmi dire da mio figlio "tu sei andata via!" mi ha uccisa, così visto che non venivo creduta presi la decisione di far leggere a mio figlio email e messaggi del padre. E lui li ha letti è stato molto coraggioso e mi viene ancora oggi da piangere se ci ripenso. Lì per lì mi chiese di voler rimanere sempre con me e che se fosse rimasto io dovevo promettergli che non avrei chiesto soldi al padre. Io ho acconsentito ed ho promesso di non chiedere mai al padre dei soldi per lui. I soldi sono sempre stati un mezzo per controllarmi e nel momento in cui sono andata via e mio figlio voleva stare con me per lui è stata la fine, ad ogni modo telefonò al padre e gli disse di voler stare con me e che non avrei chiesto nulla. Il padre lo convinse a non farlo nel corso di quella telefonata. Oggi, mio figlio sta con me la maggior parte del tempo, io sono felice, mio figlio è felice lo so perché me lo fa sentire che è sereno. Ecco, non so se ho fatto bene o male ma questa è la mia storia. Il tutto dura da due anni e proprio oggi siccome oramai ho sviluppato un modo di comunicare con il mio ex molto asettico lui non fa altro che stuzzicarmi via messaggi, non fa altro che darmi ancora oggi della stupida ed incapace! Guarda è snervante ma non me ne frega niente io vivo da un'altra parte ed ho vicino mio figlio, stiamo molto meglio entrambi. Anzi l'unica cosa disturbante è proprio lui e me ne rendo conto quando mio figlio torna da me dopo il periodo in cui vive con il padre che di solito non supera mai i 30 giorni ed in questi 30 giorni io lo vedo tutti i giorni e qualche fine settimana viene da me ma non fa la stessa cosa con il padre, quando sta da me. Loro sanno cosa fare e non penso si lascino coinvolgere nelle dinamiche patologiche di un idiota! Sanno quando li prendiamo in giro e quando gli nascondiamo le cose, solo che quello è sempre il loro padre e non possono non volergli bene. IO so che mio figlio mi difende se il padre dice qualcosa contro di me così come difende il padre se sono io a fare delle critiche! Tu pensa che il mio ex se non rispondo ad un suo messaggio come piace a lui (e non lo faccio mai) mi blocca WhatsApp e telefono! Ma a me non me ne può fregare di meno! Un abbraccio è davvero difficile prendere decisioni quando ci sono i figli di mezzo!
Alicle
amante
amante
Messaggi : 594
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 3:21 pm
Ah che poi voleva l'affidamento esclusivo e all'avvocato gli disse che quando lui non c'era mio figlio poteva stare con la sorella! Con la sorella a cui non affiderei neanche un pesce rosso! Ne ha fatti morire a decine! Alcuni finiti pure nel WC!!
Poco tempo fa mi ha chiesto se eravamo disposti a versargli una paghetta mensile, ovvio comincia a volere la sua indipendenza, anche se quando sta con me non aspetto mai che mi chieda i soldi ma sono sempre io a chiedere a lui se ha bisogno. A quel punto cosa avrei dovuto rispondere alla domanda? Anche qui mille dubbi poi ho deciso di dirgli la verità nella confidando nel detto "la verità trionfa sempre".


Ultima modifica di Alicle il Mer Mar 07, 2018 4:04 pm, modificato 1 volta
avatar
Lisbeth Salander
Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 06.03.18
Età : 50

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 3:47 pm
quindi Alicle, hai scelto di "dire".

Ho sempre pensato che la schelta "non dire" espone al rischio che i figli con la maturità
non riescano comunque a vedere il narcisismo del genitore,
ma anche "dire" espone al medesimo rischio.

Prima o poi va affrontato, che sia "non ti credo" o "non voglio vederlo".
Alicle
amante
amante
Messaggi : 594
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 4:08 pm
Si, va affrontato. Ho conosciuto una mamma che aveva scelto di non dire e poi il figlio l'ha rimproverata di averlo sempre preso in giro. E ti dico anche una cosa stupida ma che ti darà il senso di quanto loro tengano alla verità. Una volta mio figlio guardando in frigo a trovato un alimento scaduto! Mi ha fatto notare la scadenza e temendo che io gli rifilassi cose scadute solo per il semplice fatto che mi arrabbio quando devo buttare il cibo, adesso non si fida e controlla sempre la scadenza! Smile)) Povero ha il terrore di mangiare cose scadute!!! A parte la comicità, loro non vogliono essere presi in giro! Non lo sopportano!
Alicle
amante
amante
Messaggi : 594
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 4:20 pm
I nostri sono grandi, è giusto proteggerli, ma devono anche vedere, devono rendersi conto con chi hanno a che fare. Pensiamo sempre che non capiscano ed invece lo sentono ed è più brutto sentire ma non sapere! Tu come reagiresti? Mettiti nei loro panni! Io rimpiango soltanto il fatto di averlo fatto assistere alle mie lacrime e al mio dolore! Ammetto che lui mi ha fatto da salvavita e spero di non avergli fatto del male! Ricordo ancora cosa mi sono inventata quando con i traslocatori sono andata via! Pensa che ho pagato il traslocatore chiedendogli di chiedere a lui, mio figlio che era a casa quel giorno perché il padre gli aveva detto che poteva non andare a scuola! Questa poi è un'altre sua vigliaccata perché io avevo fatto in modo di fare il trasloco mentre mio figlio era assente e poi magari sarei andata a prenderlo fuori scuola, ma forse un angelo mi ha protetta quel giorno e gli ha dato in c..o al padre perché come stavo dicendo ho pagato il traslocatore per chiedere a mio figlio se voleva guadagnarsi qualcosa anziché stare a casa e così avrebbe dato una mano anche alla mamma perché la mamma è sempre la mamma e non si può lasciarla andare via così, questo ragazzo dei traslochi è stato fantastico! Così mio figlio si è infilato una tuta ed è venuto! E ad attendermi a casa per fortuna c'erano due mie amiche che lo hanno coinvolto e diciamo che questo evento che per lui sarebbe potuto essere triste e brutto è diventato qualcosa di accettabile!
Francy_Dim
timido
timido
Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 7:02 pm
Ciao, le cose in casa mia hanno cominciato a migliorare quando ho incominciato a dire. I figli hanno occhi e orecchie, i miei non sapevano dare un nome a quello che avevano capito da soli e prima di me.
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1104
Data d'iscrizione : 26.11.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 7:08 pm
sono madre.....direi che che dovrei capire quanto mio figlio e figlia desiderano sapere. Come ben sai , chi non e' pronto non vede . La comunicazione con il marito la terrei via messaggio e mail , così puoi far vedere, buttalo fuori di casa .....e aspetta con pazienza le esigenze dei tuoi figli prima o poi capiranno
Alicle
amante
amante
Messaggi : 594
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 7:30 pm
Si certo sissi, ovvio ma arriva il momento di dire e lo senti, lo vedi e non c'è distrazione che tenga in questi casi perché loro altrimenti si danno una spiegazione tutta loro e non è mai la giusta spiegazione. A volte noto in mio figlio, atteggiamenti del padre a volte ha delle risposte uguali a quelle del padre soprattutto quando torna da me. E ogni volta pazientemente ho ricominciato a "riformattare" è difficile ma ci si riesce. A volte, come è successo a me, non si ha scelta. Nel mio caso, per esempio, mio figlio aveva creduto alle parole del padre, diamine! E' il padre non avrebbe mai dubitato....ho dovuto, mio malgrado, mostrare che non stavo mentendo. E non sai quanto male mi ha fatto.
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1104
Data d'iscrizione : 26.11.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 7:37 pm
si certo concordo, ma anche tu hai atteso il momento migliore per i figli ...il momento migliore per spiegare
avatar
Lisbeth Salander
Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 06.03.18
Età : 50

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 10:27 pm
Vi ringrazio per gli spunti di riflessione che mi avete scritto.

Prevale, mi sembra, il consiglio di parlare.
E non posso che condividere le motivazioni con cui avete argomentato.
Eppure...
...
Non so, forse non c'è una formula applicabile a tutti i casi, ed io sento che i miei figli non hanno bisogno di dettagli,
a suo tempo videro abbastanza. Hanno bisogno di tempo per fare 1 + 1.

Inoltre sospetto che la scelta di vivere col padre sia dettata anche dalla preoccupazione (infondata ma da lui molto vagamente espressa)
che possa suicidarsi (è bravissimo a far la vittima!) e da quella, più sensata, che lui sia comunque il più debole tra i due.

Ma forse mi sto cercando delle scuse perché provo vergogna a raccontare di come "mi son fatta trattare": nel migliore dei casi come un oggetto, nel peggiore come una cagna, nella maggior parte dei casi come una decerebrata.
Francy_Dim
timido
timido
Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 10:54 pm
Lisbeth ciò che è stato è stato, dai ai tuoi figli la possibilità di vedere come ti farai trattare da oggi in poi. Tu hai l'opportunità di spezzare la catena, di fermare il circolo vizioso, di fare in modo che certi schemi diventino chiari e conosciuti e per questo riconoscibili e non più applicabili.
Alicle
amante
amante
Messaggi : 594
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 11:28 pm
Il tempo di parlare.....a me è successo all'improvviso e il motivo è stato una frase detta da mio figlio "tu hai deciso di separarti" a quella frase ho dovuto rispondere. Forse lui con quella frase ha voluto sapere, forse è stato lui a trovare il suo tempo, non so dirlo.

Inviato con Topic'it
Alicle
amante
amante
Messaggi : 594
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 07, 2018 11:35 pm
Anche il mio ex si è inventato visite mediche accertamenti perché stava quasi per morire, le tattiche usate con me le ha messe in atto anche con il figlio, confondendolo ancora di più. Io ho fatto bene a parlare, lui ha chiesto ed io ho risposto e siccome non ne era convinto perché io di fatto non so cosa gli diceva il padre, probabilmente bugie perchè lui mente su tutto ed è un incantatore di serpenti e poco importa se è il figlio che ci va di mezz'ora, ho dovuto far vedere le prove! Questa è una cosa che non perdonerò mai al mio ex marito, avermi costretta a far soffrire mio figlio, perché loro soffrono, soffrono sia che tu parli e soffrono sia che tu non parli.

Inviato con Topic'it
avatar
Aquila reale
Admin
Admin
Messaggi : 150
Data d'iscrizione : 27.11.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Gio Mar 08, 2018 2:16 am
Anch'io Lisbeth ho deciso di essere chiara, da subito, i miei sono 3 maschi e l'idea di passare il messaggio che le donne devono subire e stare zitte proprio non la sopportavo. Inoltre ognuno di loro ha delle fragilità causate proprio dalla patologia del padre, insicurezze, mancanza di autostima soprattutto, per tutto questo ho voluto che fosse chiaro che la vittima non era lui ma era il carnefice. I più piccoli avevano vent'anni ma hanno saputo affrontare la situazione, certo con dolore, ma veramente soprattutto il più grande mi è stato molto vicino ed ha raccolto i miei pezzi diverse volte. Adesso però anche loro sanno da cosa si devono difendere, nonostante vogliano bene al padre, riconoscono che dall'altra parte non c'è amore incondizionato.
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1104
Data d'iscrizione : 26.11.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Gio Mar 08, 2018 3:34 pm
i figli possono capire , i figli sanno ...a meno che non siano stati totalmente indottrinati dal padre o madre malati
Apocalisse
timido
timido
Messaggi : 80
Data d'iscrizione : 17.12.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mar Mar 13, 2018 8:59 pm
Ciao Lisbeth, sono figlia di un np e mia madre, decise nonostante la consapevolezza, di restare con lui per 40 anni della sua vita. L'ho persa, ritengo non a caso, per un raro tumore all'intestino. Lei non ci ha mai parlato male di mio padre. Ha sempre tenuto tutto dentro di sè senza mai cercare di influenzare il nostro pensiero cosa che, mio padre, nell'arco degli anni, ha tentato di fare spesso. Crescendo, ho capito e l'ho capito ancora di più quando ho perso lei. Le dinamiche gravemente disfunzionali hanno fatto si che io, prendessi il suo posto ed a quel punto è caduta la maschera. Non fraintendermi, no ti sto augurando di venire meno, sia chiaro! Credo semplicemente che tu debba lasciare che i tuoi figli capiscano da soli.
Alicle
amante
amante
Messaggi : 594
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: Raccontare ai figli (grandi)

il Mer Mar 14, 2018 12:54 pm
Infatti sissi, la mia difficoltà con mio figlio è proprio per il fatto che è stato indottrinato dal padre manipolatore c...one!
Contenuto sponsorizzato

Re: Raccontare ai figli (grandi)

Tornare in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum