Condividi
Andare in basso
Alba Nera
Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 15.01.18

Terapeuta narcisa?

il Dom Feb 25, 2018 4:02 pm
Ciao a tutti/e,
ho provato a cercare un thread su questo argomento ma non l'ho trovato, nel caso esistesse già chiedo scusa agli admin.
Volevo sapere, come identificare un terapeuta np? Avete esperienza/consigli?
Io ho diversi indizi che mi hanno portato a credere che la mia lo sia (la sto frequentando da un mese e mezzo).

(Esempi, oltre alla preziosissima questione di pelle: non mi guarda negli occhi o comunque difficilmente, fin da subito mi ha detto che avrei potuto contattarla in qualsiasi momento, velate pressioni sul fatto che non mi facessi mai sentire via whatsapp, mi ha chiesto un bel po' di volte se le persone attorno a me si fossero accorte che sono cambiata (mi pare abbia premura che io cambi, ovviamente perchè sarebbe merito suo), si vanta molto fingendo di non farlo, nelle prime 2 sedute credo di essere stata partecipe di un love bombing (sono perfetta, degna d'amore, meravigliosa, bella, intelligente, peccato che il figlio sia già fidanzato con una che non mi piace per niente tra l'altro, altrimenti vi avrei fatto conoscere (battuta si, battuta no...rimane il fatto che l'ha detto), mi fa stare più a lungo del dovuto, ha avuto 3 mariti e ovviamente li ha dipinti come totalmente stronzi, ha ammesso di voler più bene ai suoi tirocinanti (maschi) che a suo figlio e di averglielo detto chiaramente, usa rarissimamente il mio nome sostituendolo con un "cara, carissima", 1 volta si è completamente dimenticata del nostro appuntamento, ecc. potrei andare avanti ma mi fermo qui)

Al di là che io abbia ragione o meno, credete che possa essere controproducente continuare la terapia se ho questi dubbi su di lei?
Per di più, in questi giorni sto prendendo consapevolezza che pure mio padre possa avere molti tratti narcisistici.
E' da una vita che lo odio, per il suo "caratteraccio" e per come ha sempre trattato mia madre.
Ne vorrei parlare con la mia terapeuta, ma a questo punto secondo voi potrebbe "aiutare"?
So che la relazione paziente-terapeuta è importante, ma vorrei anche capire se tutto questo psicanalizzare chi ho di fronte in seguito alla mia ultima relazione mi sia utile o se dovrei semplicemente imparare a fidarmi di chi di ho di fronte...
Insomma, come al solito mi chiedo: il problema sono io o sono gli altri??
E il semplice fatto che la mia terapeuta possa essere narcisista può influenzare negativamente il mio percorso?
A volte penso che  forse il loro UNICO punto a favore è che sono bravi a capire la psiche umana. Mi sbaglio?
aliceinwonderland
timido
timido
Messaggi : 44
Data d'iscrizione : 08.01.18

Re: Terapeuta narcisa?

il Mar Feb 27, 2018 2:31 pm
Ciao Alba,

non so se la tua terapeuta sia narcisa o no. In ogni caso non mi sembra molto professionale che lei ti parli della sua vita privata, di suo figlio.
Non credo che per un figlio sia bello sentirsi dire da una madre 'voglio più bene ai mei collaboratori che a te'. Qui la cos aincredibile è che lei è anche psicologa e non si preoccupa del danno che potrebbe fare a suo figlio.
Se è capace di essere così distruttiva con il figlio... immagina come potrebbe esserlo con te...
Narcisa o meno... io starei alla larga.
Certo che è proprio dura trovare una buona psicoterapeuta.
Una mia amica è uscita da poco da una relazione con un uomo terribile... (non so se np ma sicuramente problematico).
Ebbene questa mia amica aveva notato tanti piccoli campanelli d'allarme eppure fu molto spinta dalla sua terapeuta di allora ad intraprendere questa relazione che poi si è rivelata disastrosa.
.La terapeuta dove andavo io, invece, era mia coetanea e a volte io avevo la sensazione più di parlare con un'amica che con una terapeuta... alla fine dopo queste lunghe chiacchierate mi sentivo sempre la stessa e ho interrotto la terapia.
Mi piacerebbe rientrare in terapia ma ho veramente paura ad affidare a qualcuno i miei pensieri più intimi.
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1165
Data d'iscrizione : 26.11.17

Re: Terapeuta narcisa?

il Mar Feb 27, 2018 3:10 pm
il rapporto con la terapeuta lo sapete anche voi e' fondamentale ......e' il medico della testa , dell'animo, dei sentimenti......no, se non ti fidi, se a pelle non ci piace , narci o no lo cambierei comunque , e' troppo importante. Tanta gente non sa' fare il suo lavoro, cio' cr va' bene a ne non e' detto sia giusto per te, ma le tue sensazioni vanno seguite per me .
anja-1985
attivo
attivo
Messaggi : 229
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: Terapeuta narcisa?

il Mar Feb 27, 2018 6:58 pm
Alba Nera ha scritto:
A volte penso che  forse il loro UNICO punto a favore è che sono bravi a capire la psiche umana. Mi sbaglio?


Mad Mad Mad Mad
Io non credo che siano bravi a capire la psiche umana,sanno semplicemente usare a loro vantaggio armi come love bombing e induzione di sensi di colpa,nonché coercizione sottile e pericolosa.
Questo avviene in modo automatico e non calcolato.Agiscono così a causa del loro schema automatico che gli si attiva.
Io scapperei subito.
Il "cara,carissima" ..... mi ricorda brutte cose...
Per quanto mi riguarda,ogni terapeuta che non conosce se stesso e i suoi meccanismi può essere dannoso,ma il paziente che intuisce che c'è qualcosa che non va,ha il diritto e dovere di trovarne un'altro,perchè non ci sarà nessuno che ti evita il disagio quando ci finisci dentro. Segui le tue intuizioni e sensazioni.
Cerca anche di capire cosa t'insegna questa situazione,sfruttala in modo attivo e non passivo.Quali tasti tocca in te il suo modo di fare,e come reagisci,sia in automatico che a mente fredda quando ci ripensi a casa. Ma se già hai sospetti,io ....non ci resterei ancora per molto.

L'unico punto a loro favore è "quando non si sa e non s'immagina minimamente di che pasta siano fatti"
Animafragile
Messaggi : 14
Data d'iscrizione : 08.02.18

Re: Terapeuta narcisa?

il Mar Feb 27, 2018 10:53 pm
Ciao,
Come qualcuno ha già scritto qui non è normale e professionale che la terapeuta parli della sua vita privata spesse volte, che fa confronti con altri pazienti. Ma il punto piu importante è tu ti senti a tuo agio in quel momento? Da quello che hai scritto mi sembra di no... La prima impressione o anche la seconda secondo me sono molto importanti. Ricordo che all'inizio del percorso il mio terapeuta mi disse che se in caso non mi fossi trovata bene con lui avrei dovuto dirlo in modo da poter eventualmente considerare qualche altro terapeuta proprio perché anche lui mi disse che la scelta era importante poiché con il terapeuta si arriva a creare un clima di fiducia e ci si deve sentire il più possibile a proprio agio e tranquilli.
Alba Nera
Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 15.01.18

Re: Terapeuta narcisa?

il Gio Mar 01, 2018 12:00 am
Grazie per il confronto ragazze.
Aliceinwonderland, concordo con te, è difficile trovare una buona psicoterapeuta.
Questa per me è la terza in 3 anni, e anche per questo motivo volevo un vostro parere. Ora ho l'ennesima conferma che bisogna sempre dare retta alla nostra vocina interiore, al nostro istinto.
Però ti esorto a non darti per vinta, io continuo ad avere fiducia in un percorso psicoterapeutico. Secondo me, da soli è difficile se non impossibile rendersi conto di certe dinamiche. Se senti l'esigenza di riprovarci, fallo. Per me è un po' come trovare un buon fidanzato, passami l'immagine. Non ci si può buttare col primo che passa, ma allo stesso tempo non va bene rinunciare a priori solo perché è difficile trovare qualcuno bravo, professionale e "onesto".
Hai ragione Anja, forse penso cosi solo perché i 2 np che conosco meglio, da anni, hanno in comune un' intelligenza di gran lunga superiore alla media e probabilmente sono anche psicopatici. (Non sono in grado di fare diagnosi, in ogni caso di sicuro è meglio stare alla larga) Però evidentemente è una casualità. In mio padre invece, che credo sia "solo" narcisista, riconosco di più lo schema automatico di cui parli.
Animafragile, più che non sentirmi a mio agio (che effettivamente è vero in certi momenti) è il fatto di percepire una certa falsità in molte cose che dice. Mi pare indossi una bella maschera.
Cercherò presto qualcun'altro!
anja-1985
attivo
attivo
Messaggi : 229
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: Terapeuta narcisa?

il Gio Mar 01, 2018 4:41 pm
Alba sono d accordo sul fatto che sia più la caratteristica della psicopatia a fare in modo che chi ne sia portatore o portatrice sia capace di identificare subito la personalità di chi ha di fronte e saperne sfruttare le debolezze,ma soprattutto godere sadicamente nel far loro del male subdolamente.
E psicopatia e narcisismo possono coesistere.
anja-1985
attivo
attivo
Messaggi : 229
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: Terapeuta narcisa?

il Gio Mar 01, 2018 5:07 pm
Penso inoltre che i gradi di pericolosità e di intelligenza di uno psicopatico o narcisista variano da caso a caso.
Non è vero,almeno secondo la mia esperienza,che tutti coloro i quali abbiano tratti psicopatici siano sempre estremamente intelligenti,sfruttano le informazioni anche noi stessi diamo loro,poi si fanno lo schemino di quello che siamo.
La forza dello psicopatico sta in quella parvenza di quieta e serena indipendenza che sembra emanare da fuori,che gli serve per catturare le farfalle nella sua rete .
La cosa strana è che lui vede le persone per "quello che sono" e noi non vediamo lui.
Fra le diverse persone che conosco e nei quali ho individuato tratti psicopatici,senza narcisismo,c'e' un amico d infanzia che abita di fianconcasa dei miei genitori.
In questo ultimo anno a volte mi sono trovata adnosservalo dalla finestra mentre rientrava dal lavoro o usciva di casa,in quei momenti in cui lo si spia se non osservato si notano le incongruenze di una persona che quando solo,sembra assente e in preda a profondi "sgonfiamenti" come se gli mancasse una forza motrice sana.Quando era in compagnia aveva sempre la stessa espressione sul volto, un sorriso sino alle orecchie ma a bocca chiusa.Gli occhi a volte spalancati e fissi,altre volte sfuggenti.
Che gente.
Non ci posso pensare.
Rispetto a lui gli altri che ho conosciuto,benché abbiano similitudini di fondo, avevano una capacità manipolativa e seduttiva più raffinata e "pulita" ma anche più dittatorialmente punitiva.
Forse perché lui è un 30enne e gli altri 50enni,ma credo anche che dipenda dalla cultura della famiglia di origine.
Alba Nera
Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 15.01.18

Re: Terapeuta narcisa?

il Sab Mar 03, 2018 10:06 pm
Mamma hai ragione, che gente... e soprattutto quanti! :-(
Grazie per la riflessione Anja.
Contenuto sponsorizzato

Re: Terapeuta narcisa?

Tornare in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum