Condividi
Andare in basso
avatar
Undefeated
attivo
attivo
Messaggi : 295
Data d'iscrizione : 03.06.18

Re: che cosa ho perso senza di lui (Topic al contrario)

il Gio Giu 07, 2018 12:39 am
Ho perso le notti finite in un letto dove l'astio percepito era cosi denso da tagliarsi con il coltello, solo per aprire gli occhi ogni mattina e ritrovarmela li.
Ho perso la capacita' di prendere sul serio accuse assurde.
Ho perso la volonta' di giustificare cio' che non merita di esserlo.
Ho perso il desiderio di rimanere serio davanti ad un ego smisurato.
Ho perso qualsiasi emozione per chi non riesce ad avere empatia.
Ho perso l'abilita' di rinunciare a sorridere... tanto che ogni volta che mi tocca rivederla, la mia mente vaga sulle iniziali PN e comincio a pensare: Prosciutto Nostrano... no, no, aspetta c'e' di meglio: Psico Nana! No, no, quella l'hanno gia' usata per Berlusconi e poi lei non e' cosi bassa ...aspetta sono sicuro che posso fare meglio... e cosi via. Nel frattempo lei ostenta l'ultima borsa di Bottega Veneta scordandosi che essendo io maschietto non mi parte l'embolo dell'invidia per una borsa e poi comincia ad innervosirsi perche' ho un sorriso stampato in faccia.
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1346
Data d'iscrizione : 26.11.17

Re: che cosa ho perso senza di lui (Topic al contrario)

il Dom Giu 10, 2018 1:06 pm
grandeeeee
Alicle
amante
amante
Messaggi : 605
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: che cosa ho perso senza di lui (Topic al contrario)

il Gio Giu 14, 2018 12:35 pm
Quello che è perso oramai è perso! Guardiamo a quello che abbiamo guadagnato! Il bicchiere è sempre mezzo pieno!

Inviato con Topic'it
avatar
Undefeated
attivo
attivo
Messaggi : 295
Data d'iscrizione : 03.06.18

Re: che cosa ho perso senza di lui (Topic al contrario)

il Gio Giu 14, 2018 3:05 pm
Io ci sto', allora questo e' quello che ci ho guadagnato:

* Due figli immensi, ciascuno a modo suo.
*Il rendermi conto che per cautelare chi amo, non ho limiti. Ho reagito a tutta quest'esperienza in una maniera che non avrei mai creduto possibile, principalmente grazie ai figli.
*La conferma che si raccoglie solo cio' che si semina, che piu' a lungo si commette un errore, piu' e' alto il prezzo da pagare, che un errore e' imperdonabile solo se non viene utilizzato per imparare.
*Aver compreso l'importanza di entrare e comprendere l'io intimo di altri, ancor piu' se totalmente diversi da me, piuttosto di semplicemente immaginare me stesso nella situazione di altri.
*Il prendere coscienza che tutti credono di avere ragione. Nessuno sbaglia sapendo di sbagliare, e quasi tutti gli errori nascono con una piccola balla che raccontiamo a noi stessi.
*La prova che le persone cambiano solo quando sono pronte per farlo, se lo saranno mai. Io non posso influire un granche', e questa e' la prova che non e' una mia responsabilita'.
*Il comprendere che per vedere la realta', bisogna prima essere in grado di concepirla. Altrimenti siamo cechi anche davanti all'evidenza piu' eclatante. Quindi bisogna spogliarsi di preconcetti, pregiudizi.
*Il vivere un monito impossibile da ignorare sull'inutilita' dei sentimenti negativi, ostili, distruttivi, sia verso noi stessi che verso gli altri. E aver intravisto a dove questi portano. Autocritica si, autodistruzione no.
*La capacita' di scindere gli eventi che vivo, dalle mie emozioni. Le emozioni che proviamo hanno a che fare con chi abbiamo deciso di essere, piuttosto che dipendere dagli eventi.
*Il rendersi conto che non e' mio compito giudicare gli altri. Il mio compito e' solo di comprendere gli altri in modo da poter decidere come e se interagire.
* Il "bene" non e' "buono", e' piuttosto cio' che e' necessario affinche' la nostra presa di coscienza aumenti.
* L'aver imparato che l'ego e' subdolo. Ci sono delle volte in cui bisogna saperlo prendere a calci in c*lo per vedere le cose con distacco, e quindi chiaramente, per quello che sono.

Non e' un esperienza che deciderei di rivivere volontariamente, mi ha fatto male, parecchio e a lungo. posso pero' confermare che la sofferenza e' proporzionale a cio' che ho guadagnato. Ho sofferto parecchio e ho appreso parecchio.
treppa
Admin
Admin
Messaggi : 171
Data d'iscrizione : 26.11.17

Re: che cosa ho perso senza di lui (Topic al contrario)

il Gio Giu 14, 2018 3:40 pm
Credo di non aver perso nulla di me....ma piuttosto di essermi scoperta molto più in profondità
Se prima re-agivo senza capirne il perché, adesso comprendo e conosco e soprattutto scelgo.

Bah
attivo
attivo
Messaggi : 167
Data d'iscrizione : 10.06.18

Re: che cosa ho perso senza di lui (Topic al contrario)

il Gio Giu 14, 2018 7:35 pm
Io ho perso:
I litigi insensati e surreali
La sensazione che tutto quello che facessi era dovuto o non sufficiente a dimostrarle che l'amavo
Il controllo costante e soffocante
L'essere privato della mia libertà
La gelosia esasperante
Il sentirmi in colpa, condizionato o sbagliato se avevo voglia di bere una birra con un amico, di trascorrere qualche giorno con la mia famiglia o se non potevo stare con lei per ragioni di studio
Il gestire le sue isterie, lacrime, pianti e finti attacchi di panico a qualsiasi ora del giorno e della notte per motivazioni a dir poco futili
Le accuse di tutti i tipi, soprattutto di infedeltà o di non amarla perché non mettevo abbastanza like ai suoi post su Facebook o perché non avevo rifatto il letto.
Il sentirmi manipolato
Il dolore immenso derivante dalla sfiducia enorme nei miei confronti
La mancanza di rispetto verso me e la mia famiglia
Dover spiegare continuamente invano le mie parole e le cose più elementari (stando attento a cosa dire e come dirlo) a una donna di più di 30 anni
L'illusione che potesse cambiare e capire la differenza tra come la trattavo io su punti essenziali e come mi trattava lei
Il sentirmi pazzo e parlare con amici e familiari per avere conferme della mia sanità mentale
La delusione e la presa di coscienza di dover progressivamente abbassare l'asticella delle aspettative
La sensazione di camminare sulle uova
L'ansia che da un momento all'altro potesse scoppiare un'isteria
La sua irragionevolezza
Il menefreghismo verso i miei impegni
La sensazione di dover dimostrare l'amore in numero di richieste soddisfatte
La mancanza di reciprocità
Il generale dolore connesso a una relazione non paritaria e a senso unico
Il dovermi rinchiudere nel silenzio per esasperazione e per salvare almeno il quieto vivere
La sua incapacità di cogliere il senso dell'amore e dello stare insieme
La cattiveria mostrata in un mio momento di debolezza
Il dolore e la delusione derivante dallo stare con una persona che non si rende conto dei suoi comportamenti, che non sente ragioni e in definitiva non ama ma sfrutta
E tanto altro..nonostante questo però la guarigione non è ancora arrivata
Alicle
amante
amante
Messaggi : 605
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: che cosa ho perso senza di lui (Topic al contrario)

il Gio Giu 14, 2018 8:19 pm
Io senza di lui non ho perso nulla! Anzi è con lui che avevo perso me stessa! È per questo che ho voluto aprire un Topic’it su “ ciò che abbiamo guadagnato senza di lui” . Perché basta parlare di loro, della loro maligna ambiguità. Va bene parlarne ma in funzione di noi. In funzione di capire le loro dinamiche perverse e corrotte e deviate che ci hanno arrecato dolore e sparpagliato i pezzi del nostro Io in ogni angolo. Riprendiamoceli questi pezzi. Loro non sanno cosa sono riusciti a tirare fuori da noi! Non ne hanno la minima idea della forza e dell’energia che ognuno di noi sviluppa per ricostruirsi con dolore e fatica. Andiamo avanti!✌🏼👏🏻💪🏼

Inviato con Topic'it
Contenuto sponsorizzato

Re: che cosa ho perso senza di lui (Topic al contrario)

Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum