Condividi
Andare in basso
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1104
Data d'iscrizione : 26.11.17

che ne pensate ?

il Lun Gen 29, 2018 4:05 pm
preso da guarire dall'abuso narcisistico,le parole di una utente ....


Ma poi scusa, come cavolo è che nessuno può fare una diagnosi alle narcime.de perché è prerogativa degli addetti ai lavori, invece qualunque stronzo può diagnosticare una vittima come " codipendente"?
Come cacc.io è che usano sempre due pesi e due misure ?
Io non posso dire che uno è narcistron.o ma chiunque può dire che ho bassa autostima , ferite irrisolte ecc ecc e classificarmi come co dipendente? O dipendente affettiva o quello che ti pare...
[27/01 15:27] Se solo uno psichiatra può fare una diagnosi per questi qui , stessa cosa vale per noi . come minimo ! Solo che i narcicogl..oni non ci vanno noi si, quindi le malate siamo noi?
Alicle
amante
amante
Messaggi : 594
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: che ne pensate ?

il Lun Gen 29, 2018 5:01 pm
Non so che dire! Mi sembra arrabbiata perché gli hanno detto che è co-dipendente e che il vero malato la passi liscia....
Boh io all'inizio ero arrabbiata perché sapevo che lui l'avrebbe passata liscia!
anja-1985
attivo
attivo
Messaggi : 205
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: che ne pensate ?

il Mar Gen 30, 2018 10:13 am
La sua rabbia è ben giustificata.
Io se vedo la mia vita prima dell incontro con la narcipsyco non vedo alcun tipo di atteggiamento di dipendenza affettiva.
Ad oggi posso dire di aver acquisito capacità di menefreghismo piu elevate nei confronti dei bisogni degli altri,se essere sensibile ai bisogni degli altri significava essere dipendente affettiva allora vuol dire che per sopravvivere in questo mondo bisogna cambiare di molto i paradigmi dell 'essere(verbo) umano.
E se un giorno arrivo in politica(lo dico per dire, non perché lo desideri) la prima legge che metterò sarà la pena di morte per gli assassini.
Anche se poi mi frego da sola visto che son diventata assassina anche io.
Io credo che l unico modo per liberarsi da queste merde sia lasciarli soli,solo allora forse cercheranno aiuto vero.Puntare sulla colpevolizzazione delle vittime è meschino,ma per quanto mi riguarda,mi ha dato modo di acquisire il giusto disprezzo per queste categorie di umanoidi,abbandonando la pietà per il fatto siano stati i primi abusati della loro lista.
Purtroppo una vittima non può agire sul narci,dire che il cattivone sia lui, per quanto sia liberatorio allontana dalla necessità della propria presa di coscienza.
Solo conoscendo meglio se stessi alla fine nel vedere le proprie effettive mancanze sarai il clinico più esperto nel poter affermare se fosse narci,border,ambiguo,orale,masochista,schizoide,psicopatico...
In giro non ci sono solo forum riguardo il narcisismo,ma anche riguardo le persone ambigue,o gli schizoidi...che tanto sembrano anche narci,ma non lo sono..
Se leggete le descrizioni delle storie con gli schizoidi vi sembreranno "narci covert" .
Gli ambigui..non ne parliamo...
La differenza sta nella cattiveria profonda e quella l avete conosciuta solo voi.
Noi siamo gli esperti della nostra storia,e se in quel momento ci è utile pensarenche sia narci,allora è narci.punto.Più in la si avra' più lucidità e soprattutto informazioni per decidere quale caso clinico sia stato . Very Happy
E poi..."solo uno specialista può"...? Sssssa'....ricordiamoci la parola "competente" che non è prerogativa di tutti gli specialisti.
anja-1985
attivo
attivo
Messaggi : 205
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: che ne pensate ?

il Mar Gen 30, 2018 11:16 am
Sarebbe anche utile fare molta informazione riguardo le dinamiche di relazione sbagliate,e lo stanno facendo..
Un po ci rode che non l'abbiano fatto prima che ci cascassimo anche noi Very Happy
Ma è la generazione che ci è cascata che ha deciso di prendersi una sorta di rivalsa facendo informazione.(Anche se credo sia più una nuova presa di consapevolezza da parte delle donne,anche questa faccenda delle denunce scandalo degli abusi nel mondo del cinema,queste prese di coscienza,ora ci vogliono nuove leggi)
Il femminismo,sarà che non l'abbiamo capito o forse è stato anch'esso manipolato come movimento,o sarà stato il ventennio berlusconiano che ha mandato aputtane con la tv e i suoi programmi merdaset anni di lotta e presa di coscienza,riguardo la propria identità femminile ed indipendenza)
Sto seguendo "Amore criminale" e anche la loro pagina Facebook per leggere i commenti di chi conosce il fenomeno e di chi non lo conosce, c'è sempre qualche ignorante che spara a zero sulla vittima,tuttavia vedo anche molta consapevolezza sul fenomeno.
C'è sempre stato,solo che prima non se ne parlava,prima le donne subivano in silenzio e difficilmente sarebbero andate via di casa.
Mia madre ogni tanto mi da qualche informazione in più sulla relazione di sua sorella con il marito...ogni tanto mi racconta qualche pezzo di storia... fa finta di nulla... ma le cose che sono successe sono gravi.E l'unica cosa che ha potuto fare è stata,"stare buona e in silenzio".Tutto quello che provò a fare la sua famiglia per allontanarla da lui,non servì.
Anni fa vidi qualche puntata di amore criminale,ma... non essendo consapevole di un sacco di cose,non comprendevo come si potessero accettare determinati abusi da un compagno e quindi era una realtà distante da me.... erano.. dei film.. non storie vere...

Oggi prendo consapevolezza di storie di violenza nella famiglia di mia madre..e mi dico... dovevi andare tanto lontano per capire?

eh si...perchè quella era la "normalità dei tempi".

L'autore di questo messaggio è stato rimosso dal forum - Vedere il messaggio

Francy_Dim
timido
timido
Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 13.12.17

Re: che ne pensate ?

il Mar Gen 30, 2018 1:03 pm
Io penso che purtroppo culturalmente siamo portati ad etichettare le dipendenze in senso lato come una responsabilità di chi ne cade vittima, cerco di spiegarmi meglio: il pensiero comune dice che se sei un alcolista è colpa tua perchè bevi, se sei un tossicodipendente nessuno ti costringe a bucarti e se ti fai fregare da uno psicopatico potevi stare più attenta e accorgertene prima.
I meccanismi che portano le sostanze a prendere il controllo dei recettori di un dipendente purtoppo vengono spesso ignorati ed è condivisibile la rabbia di chi si sente bollato senza possibilità di appello, si viene attaccati nelle proprie fragilità che vengono considerate debolezze e si regisce come si può.
Alicle
amante
amante
Messaggi : 594
Data d'iscrizione : 14.12.17

Re: che ne pensate ?

il Mer Gen 31, 2018 4:38 am
Queste cose che ho letto sono tristissime! Mi fanno perdere la fiducia nelle persone, soprattutto in quelle che dovrebbero aiutare. Purtroppo questo argomento (vedi il reato di stalking inserito da pochissimo nel c.p) è ancora soggetto ad essere ignorato. Forse anche per paura di trovarsi vicino ad una situazione tanto dolorosa! Io l’ho vissuta con mia mamma, del sud, che quando mi sono separata mi ha fatto capire che se non mi portava donne dentro casa e se non mi menava avrei dovuto sopportare! Ho vissuto un’esperienza di violenza grave in famiglia che una mia amica aveva subito e nessuno le dava ascolto, le hanno dato ascolto quando è arrivata in ospedale in condizioni gravissime. Ed è stato proprio in quell’occasione che mi sono resa conto che la situazione è molto più grave di ciò che sembra.

Inviato con Topic'it
Contenuto sponsorizzato

Re: che ne pensate ?

Tornare in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum