Condividi
Andare in basso
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1165
Data d'iscrizione : 26.11.17

come riconoscere se si è vittime di abuso emotivo

il Sab Dic 02, 2017 10:26 am

Senso di colpa e ricatto morale: sei sintomi
Come accorgerci se chi amiamo ci ricatta affettivamente (ricatti morali ed affettivi)

dipendenza-affettiva
I ricatti affettivi sono i ricatti più difficili da riconoscere, perché si focalizzano sul nostro sistema di valori, sull’etica, sulla morale, sulle relazioni e per questo non è facile riconoscere se ne siamo vittime o ammettere di essere noi stessi a ricattare gli altri.
Alcuni tipi di ricatti sono palesi, inequivocabili, perché chi ci ricatta esprime chiaramente le conseuguenze a cui andremmo incontro se non lo/la accontentiamo: “o lasci quel lavoro, o chiedo la separazione”, ma altri sono più sottili, nascono in relazioni affettive positive, sia amicali, che di coppia o familiari; anche se conosciamo bene la persona che abbiamo di fronte, la stimiamo, nutriamo affetto per lei/lui e apparentemente non ci sono problemi o conflitti, abbiamo sempre quella sensazione che qualcosa non va, ma non sappiamo perché.
Prima però di credere che qualcuno ci stia ricattando moralmente dobbiamo essere certi che siano presenti alcuni elementi o “sintomi”.
La dinamica del ricatto prevede due persone consenzienti, per questo il ricatto e l’obbedienza sono due facce della stessa medaglia, due aspetti della stessa carenza affettiva.

loveaddiction
Spesso, sia la vittima che il carnefice del ricatto sono persone che in infanzia hanno sofferto per privazioni e carenze affettive e che per questo, sono in un costante stato di bisogno e di frustrazione; entrambi ricercano l’approvazione degli altri, per paura di restare soli, per non affrontare le loro insicurezze, ma la differenza che c’è tra il ricattatore e la vittima è solo il ruolo che si è deciso di interpretare nella stessa commedia: il ricattatore non è in grado di tollerare la frustrazione derivante dalle carenze subite e per questo da bambino indifeso si identifica con un fantasmatico “aggressore” (attivo o passivo non importa), che si impone sugli altri in modo diretto e/o indiretto per ottenere ciò che vuole, mentre la vittima resta nella posizione di inferiorità del bambino convinto del fatto che se “farò tutto quello che mamma/papà vogliono, finalmente sarà amato.
Chi è passibile di ricatto si sente in colpa costantemente, per lui/lei l’amore non è mai stato gratis, ha imparato che l’amore va meritato.
Per questo i ricatti affettivi hanno molto a che spartire con la dipendenza affettiva.
La psicoterapeuta americana Susan Forward, nel suo testo “il senso di colpa”, (TEA, 2004), ha individuato SEI SINTOMI indicativi della presenza di un ricatto morale/affettivo, indipendentemente dalla sua gravità; possiamo trovarci infatti di fronte a un piccolo ricatto e a un grande ricatto, il principio è lo stesso, ma le conseguenze, chiaramente no.

quale segno
1) RICHIESTA: Esempio Paola chiede a Mario di andare a vivere insieme; la richiesta può essere diretta o indiretta, non sempre infatti, chi ci ricatta ce lo fa capire con una frase, ma certamente si lascia comprendere, in termine di musi, silenzi, allusioni e malumori.
2) RESISTENZA: Mario risponde in modo chiaro che non se la sente, anche se potrebbe non esprimere il suo dissenso direttamente, ma prendendo tempo, accampando scuse, dichiara apertamente di non sentirsela di accontentare Paola.
3) PRESSIONE: a quel punto Paola, mostrandosi aperta al dialogo, cerca di convincere Mario che la sua richiesta è legittima, perché proviene da una donna innamorata e che due persone che si amano veramente vogliono condividere la loro vita insieme. Il dialogo si trasforma presto in un monologo, una predica nella quale Paola interroga Mario rispetto alla verità dei suoi sentimenti, etc e di quanto questa riluttanza la faccia soffrire.
4) MINACCIA: in questa fase chi ricatta, passa all’azione, illustrando all’altro le conseguenze di quello che accadrà se non lo si accontenta o mortificandosi di come il no dell’altro lo faccia soffrire: Paola dice a Mario che se non andranno a vivere insieme, non se la sentirà più di essergli fedele ad esempio, o non lo considererà più un fidanzato, ma solo una persona che “frequenta” e via dicendo.
5) RESA: Alla fine Mario riflette sulle richieste di Paola e si sente colpevole per non aver ancora maturato la volontà di andare a vivere insieme, perché chi si ama vive insieme e nonostante le sue reticenze, accetta di farlo. Non ci sarà un dialogo sulle incertezze di Mario, semplicemente perché “chi ama veramente non ha mai dubbi”.
6) RIPETIZIONE: Una volta accontentata Paola, “molla la presa” e Mario si dimentica delle sue incertezze, soprattutto perché si gode il momento di serenità della relazione ora che Paola è calma. Dopo una fase di latenza, forse Paola tornerà con una nuova richiesta.
La “manipolazione” è un comportamento naturale nell’essere umano, pensate al bambino che vuole ottenere qualcosa, ciò che non è normale è che l’altro debba cedere per paura delle conseguenze, per questo si dice che una manipolazione diventa un vero e proprio ricatto quando è usata ripetutamente dal ricattatore per costringerci ad accettare le sue richieste, a spese però dei nostri stessi desideri e del nostro benessere.
Pensi di essere vittima di un ricatto affettivo? Ricorda che non sono solo i partner, mariti/mogli, etc a manipolare e ricattare, spesso sono anche familiari diretti, madri/padri, fratelli, sorelle in uno stato di bisogno o che approfittano della nostra mancanza di indipendenza, per abusare emotivamente di noi.
Ti senti abusato emotivamente? Pensi di abusare emotivamente qualcuno?

Sia che tu sia vittima o carnefice
CONTATTACI
Dove c’è ricatto, non c’è amore!

images
Psicologiadicoppia: tel 339-8873385
D.ssa Silvia Michelini

http://www.psicologiadicoppia.net/come-accorgerci-se-chi-amiamo-ci-ricatta-affettivamente-sei-sintomi-che-ti-dicono-se-sei-abusato-emotivamente/
Tornare in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum