Condividi
Andare in basso
Angelica
timido
timido
Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 30.06.18

Una bella notizia

il Mer Lug 25, 2018 1:13 pm
Stamattina sono stata contattata da una volontaria dell'associazione con la quale con ogni probabilità, al termine dell'estate, incomincerò a collaborare. Si tratta di un centro antiviolenza che si occupa di vari tipi di disagio, dallo stupro alla violenza psicologica, dal mobbing allo stalking. Io vengo già da un esperienza di volontariato simile, che in gioventù mi ha impegnata parecchio. Quale migliore occasione di mettere a frutto la mia esperienza, soprattutto quella devastante con il mio NP?
Sono davvero entusiasta. Non vedo l'ora di poter mettere al servizio di altri quello che ho imparato da questa disavventura, spero davvero di poter essere d'aiuto a qualcuno. Spero anche che possa essere un modo di dare un po' di visibilità al problema del narcisismo patologico, poiché è un disagio di cui si parla ancora molto poco, nonostante mieta molte vittime.
Molto, molto bene.
avatar
Undefeated
attivo
attivo
Messaggi : 246
Data d'iscrizione : 03.06.18

Re: Una bella notizia

il Gio Lug 26, 2018 9:37 am
Ottimo. Lo trovo ottimo per un aspetto in particolare che trovo importantissimo. Il saper tramutare quest'esperienza in qualcosa di positivo, per me e' fondamentale, innanzitutto nel nostro percorso di recupero.

Infatti queste esperienze ci permettono di renderci conto di un malessere in aumento nella societa' attuale, legato ad una svalutazione di principi "sani" che si riflette nei rapporti quotidiani tra persone, all'interno delle famiglie, nelle dinamiche di coppia, nei rapporti tra genitori e figli, e a volte nell'ambiente di lavoro. L'aver sviluppato una conoscenza dall'interno del problema, di certe dinamiche 'distruttive" sempre piu' comuni, e' inevitabilmente un valore aggiunto per chi ha sviluppato un bagaglio di esperienze come il nostro.

Io per esempio vedo quanto c'e' da farsi ancora per il riconoscimento degli abusi, per lo piu' psicologici, nei confronti degli uomini vittime di donne NP. Non c'e' assolutamente niente, per noi, come strutture di supporto in Italia. Eppure i casi sono tanti, per lo piu' nascosti, mai denunciati. E' come se non esistessimo, dei fantasmi che un'intera societa' pare non voler riconoscere.

Poi vedo, sia per le donne che per gli uomini vittime, l'assenza di una rete di collaborazione tra il sistema giuridico e quello sanitario, che sarebbe indispensabile se si vuole affrontare le problematiche legate ai rapporti disfunzionali di coppia ed in famiglia in maniera efficace. Le forze dell'ordine, gli avvocati ed i giudici non hanno la preparazione necessaria infatti per distinguere un NP da un'altra persona. Tuttavia e' indiscusso che le pratiche e le strategie atte a difendere i diritti tra persone normali mal si adattano quando bisogna difendersi da un NP.

Insomma, in una nazione che vive una situazione economica a dir poco "timida" ed offre poche opportunita' di lavoro, questo campo mi pare uno in cui c'e' la possibilita' di fare parecchio. Non solo, purtroppo ho la netta sensazione che piu' passera' il tempo, e piu' lavoro ci sara'. Infatti mi pare che non ci sia nessun accenno ad una strategia all'interno della nostra societa' di riconoscere la serie di elementi che rendono queste patologie sempre piu' comuni. Mi spiego, non ho mai sentito nessuno dire: "se siete una coppia di genitori in carriera, super indaffarati, e decidete di crescere i vostri figli a suon di giocattoli e corsi post scuola pur di non dover passare tempo con loro ed impegnarvi emotivamente, rischiate che i vostri figli sviluppino delle patologie psicologiche da adulti." Vedo solo pubblicita' in TV che bombardano dicendo esattamente il contrario: "comprate il giocattolo XXXX a vostro figlio, sara' contento e smettera' di rompervi i cogl*oni."

Insomma, di nuovo, brava!
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1290
Data d'iscrizione : 26.11.17

Re: Una bella notizia

il Gio Lug 26, 2018 10:26 am
ma beneeeeeee, vedrai come aumenta la tua autostima . E poi diciamocelo...ci vuole una sensibilità particolare per aiutare. Congratulazioni, sono felice per te , pensa a che bella persona che sei.
Contenuto sponsorizzato

Re: Una bella notizia

Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum