Condividi
Andare in basso
Unicasola
Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 24.12.17

Salve a tutti-e, è molto che non scrivo e un po' di cose sono successe...

il Mar Giu 26, 2018 5:46 pm
Innanzitutto inizio col dirvi che sto molto meglio dalle ultime volte in cui scrivevo qui.
Ho spiegato sommariamente la mia storia durata con lui per tre anni, tre anni difficili, ero perennemente divisa tra lui e tra la mia famiglia che aveva un po' individuato di che pasta fosse realmente fatto.
Ho spiegato che le offese,paragoni,insulti e battutine sarcastiche, soprattutto nell'ultimo periodo,erano all'ordine del giorno,era spesso anche violento fisicamente e anche se non mi ha mai dato un vero e proprio schiaffo, mi spingeva, mi colpiva, mi ha dato pizzicotti,calcetti,colpetti, insomma di tutto un po'...Mi ha lasciata a dicembre dicendomi di volersi prendere una pausa di riflessione perchè non sapeva più cosa volesse realmente, mi disse che stava attraversando un brutto periodo lavorativamente parlando, ed in parte è vero,ma le persone non ti lasciano per questo, e ogni volta che io tentavo di capire o di chiedere un'ulteriore spiegazione,dal momento che la cosa avvenne in maniera del tutto inaspettata, mi rispondeva male,dicendomi di non sapermi dire altro,che voleva stare solo,insomma sempre le stesse cose.

In questa "pausa", quando non mi facevo viva io con i miei monologhi,ci pensava lui, a tratti accusandomi e dandomi colpe e a tratti dicendomi che era solo confuso ma che mi voleva bene, che ero nel suo cuore e stupidaggini simili.

La svolta è arrivata quando io ,iniziando ad essere più consapevole, iniziando ad informarmi, leggere,iscrivermi sui forum, mi allontano.
Lui avvertendo ciò,ha cominciato a farmi dichiarazioni d'amore, a dirmi che in realtà lui mi aveva sempre amato, mi ha chiesto una seconda possibilità,di partire con lui,dal momento che per lavoro adesso si è trasferito in un'altra città...tuttavia per quanto il mio cuore avrebbe voluto credere a questo cambiamento, ho sempre resistito e non ho nemmeno più tentato,perchè sapevo che non mi sarei più ripresa da un'ulteriore sofferenza, e anche perchè l'idea di ricominciare il rapporto abbastanza soffocante di prima, dal momento che la mia vita era decisa da lui, a tratti mi rabbrividiva, stavo iniziando a riscoprire me stessa, i rapporti di prima con la mia famiglia e quanto altro.

Da quel momento in poi , e parlo del mese di febbraio, lui non ha mai smesso di scrivermi. Mi scrive, fa una pausa di qualche giorno, poi riprende, poi sparisce e cosi via.
Io l ho bloccato dappertutto, chiamate comprese, ma l'email per quanto blocchi il suo contatto, possono essere scritte da vari contatti, ed io mi sono ritrovata a parlarci e anche a rispondergli quando proprio non potevo resistere, e so che è sbagliato,perchè cosi' mi tiene sempre in "trappola"...alterna email d amore, ad email di sdegno, di insulti,offese ecc ecc... Ultimamente però mi sto guardando davvero moltissimo dentro, e spesso mi vengono tanti dubbi...Tanti dubbi perchè so di avere qualche problema anche io, altrimenti perchè farmi trattare cosi' male? Io sapevo che era sbagliato, ma restavo li', più mi insultava, più restavo li' , ero quasi convinta che se avessi sopportato,lui avrebbe capito e premiato per ciò che facevo per lui, lo facevo consapevole che nessun'altra avrebbe potuto essere cosi' comprensiva, tante tante volte quando litigavamo, sapevo che io non ero nel torto, e che non dovevo implorarlo di far pace, mi sono ritrovata sempre a chiedere scusa,anche quando io non avevo fatto nulla, o quantomeno nulla di grave che meritasse quella reazioni cosi' esagerata,cosi' drammatica, eppure mi umiliavo, dicevo le cose che sapevo avrebbe voluto sentirsi dire da me, perchè? Perchè nonostante sapessi che era tutto sbagliato,ho continuato a farlo sempre, a fare sempre ciò che voleva lui?
Ho persino pensato di essere io stessa la narcisista o disturbata della situazione e sapete perchè? Perchè io pur di tenerlo legata a me, gli ho sempre detto cose che forse pensavo col cuore, ma razionalmente volevo e sapevo di doverlo mandare a quel paese, ma non l ho mai fatto perchè credevo che la sofferenza di perderlo ,sarebbe stata maggiore rispetto a quella che provavo standogli accanto, tante volte,dopo esserci lasciati, non volevo più tornare con lui, ma egoisticamente non volevo che conoscesse nessun'altra, non volevo che qualcuno prendesse il mio posto, ero entrata in un vortice di relazione malata ,in cui io ho agito come lui. Di questa cosa mi spavento, ho paura che io non sia in grado di avere relazioni sane, prima di lui non ho avuto nessuno e non posso fare paragoni, sicuramente il mio modo di pensare ,dopo averlo conosciuto, è cambiato, ma mentre eravamo insieme,ho iniziato a percepire il rapporto come un qualcosa di ossessivo, ero diventata nevrotica, mi saliva l'ansia se non sapevo dove fosse...ci sentivamo praticamente meno di ogni mezz'ora... Mi sto mettendo in discussione, ma ho paura di scoprire che in realtà sono io ad avere dei problemi e non lui...
Scusate il monologo, ma non so proprio con chi parlarne, e sfogarmi qui mi fa bene,grazie a chi avrà la pazienza di leggere
avatar
Dreamer
attivo
attivo
Messaggi : 368
Data d'iscrizione : 20.12.17

Re: Salve a tutti-e, è molto che non scrivo e un po' di cose sono successe...

il Mar Giu 26, 2018 7:38 pm
Ciao cara.
Inizio col dirti che capisco ogni parola di quello che scrivi, per quanto la mia storia sia in parte diversa.
I dubbi, le domande che ti poni sono più o meno le stesse che mi pongo io. Relazioni del genere, dopo il trauma e il forte dolore iniziale, portano necessariamente a metterci in discussione.
La cosa più importante che noto è che senti di stare meglio e sono contenta per te! In più che non hai ceduto e non cedi ai suoi pressanti tentativi di riagganciarti...ed io, credimi, credimi, so bene che non è così scontato saper dire di no, quando ancora si sente quel maledetto legame e quella maledetta illusione in cui si era creduto.

Nemmeno io come te avevo avuto prima di lui storie importanti con cui poter fare paragoni, e questo è stato ed è uno dei miei punti deboli. I brevi flirt precedenti non sono assolutamente da prendere in considerazione perchè non c'era il minimo investimento emotivo nè di nessun altro tipo da parte mia.
Però so bene che sono stati i suoi atteggiamenti ad aver scatenato in me comportamenti e stati d'animo su cui ora devo fare i conti. Sicuramente c'erano ferite pregresse, sicuramente una bassa autostima ecc., ma io mi ricordo bene che all'inizio della relazione io non vivevo quegli stati di dipendenza e ansia che mi hanno scatenato i suoi comportamenti, bugie, triangolazioni, ecc. Tant'è che in nessun'altra relazione con altre persone ho mai sentito o maturato dinamiche di dipendenza o attaccamento come è avvenuto con lui e che ancora, ahimè, sento!

Poi, non so se interpreto bene le tue parole, mi pare che tu parli della possibilità che anche da parte nostra ci sia stata una sorta di manipolazione...perchè in qualche modo sopportavamo cose che avremmo dovuto fermare, non affrontavamo questioni importanti perchè temevamo l'abbandono, ci sforzavamo di essere comprensive al massimo per riscuotere in premio il suo amore, perchè volevamo dimostrargli che solo noi e nessun'altra sarebbe stata capace di rimanere e subire i loro malumori e mancanze di rispetto, perchè pur di tener legata a noi una persona che sentivamo sfuggisse, non comunicavamo i nostri bisogni/emozioni o li accordavamo ai suoi, perchè magari piuttosto che dire ciò che realmente sentivamo, trovavamo le parole giuste che sapevamo potessero "prenderlo con le buone". Scrivo pensando alla mia esperienza e ti dico che sì, c'è stata anche da parte mia una dinamica relazionale disfunzionale...è stata una reazione senz'altro, ma che dice tanto della mia "parte ombra". Non siamo santi o perfetti. Certo le nostre intenzioni erano buone, c'era il sentimento a guidarci, non la voglia di fare male, e questo secondo me fa la differenza.
In ogni caso questa relazione è stata come una sorta di faro acceso sulle cose che posso conoscere di me stessa e che ignoravo, e sulle cose che posso migliorare, per maturare. Facile e bello a parole. Nei fatti arranco in modi che non sto a descrivere.

C'è da lavorare parecchio su di noi, ma credo che nelle prossime relazioni saremo anche in grado di capire subito segnali che ci faranno allontanare alle prime avvisaglie...così da non instaurare nemmeno legami, che sono quelli più difficili da sciogliere.

Per me sono passati tanti mesi e quel legame io lo sento ancora, forse io stessa lo sto tenendo in vita e il tempo che passa mi fa ricordare le cose belle...nel mio caso poi lui non ha mai mostrato aggressività, nemmeno verbale...erano cose più sottili e bugie che ho scoperto dopo, quando ci eravamo già lasciati. Ma vabbè, questa è un'altra storia.

Per quello che posso dirti, sei sulla strada giusta...ti sei allontanata da lui e stai lavorando su di te. Lui ha problemi e su questo non ci piove. Su di lui non puoi far nulla. Su di te sì, ed è una buona occasione per conoscersi meglio, anche le cose che forse fa un pò paura all'inizio scoprire, e per diventare persone più consapevoli di sè e del mondo, dunque migliori.
Un abbraccio.
sissi
Admin
Admin
Messaggi : 1236
Data d'iscrizione : 26.11.17

Re: Salve a tutti-e, è molto che non scrivo e un po' di cose sono successe...

il Mer Giu 27, 2018 11:30 pm
ciao bentornata. Io lo sò come sono gli altri rapporti e poi mai e poi mai sono così queste sono cose indotte, indotte da loro per farci credere cose che non sono, per farsi vedere come non sono, per avere una donna adorante che non capisce come comportarsi e perchè succede ciò che succede. Quando rivivrai un rapporto così ,guardatene bene. E cerca di capire , che sei anche tu che puoi scegliere e decidere cosa vuoi da un rapporto, non hai la necessità di stare sempre e solo a vedere cosa vogliono gli altri
Contenuto sponsorizzato

Re: Salve a tutti-e, è molto che non scrivo e un po' di cose sono successe...

Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum